video

Scopriamo la pronuncia americana con Vincenzo Schettini… e gli altri video del venerdì

in I Venerdì di Vincenzo Schettini by
Gli ultimi video del venerdì realizzati dal professor Vincenzo Schettini, per parlare di pronuncia americana, body shaming e tanti altri argomenti

Torna, come ogni mese, l’attesa rubrica curata da Vincenzo Schettini, uno dei professori più amati del web, per parlare con studenti e insegnanti di tanti nuovi argomenti. Il professore infatti, oltre a spiegare online i temi più difficili di fisica e matematica, e aiutare i ragazzi a svolgere i loro compiti, affronta in alcune lezioni speciali questioni vicine al mondo dei più giovani: i loro problemi, le loro aspirazioni, le emozioni, sempre in modo divertente e con il sorriso!

Anche questo mese nel suo canale La Fisica che ci Piace – che ha toccato l’incredibile quota di 70.000 iscritti… – il professor Vincenzo Schettini ha parlato di argomenti molto interessanti, che vanno dallo studio della lingua inglese al body shaming, fino all’importanza di sapersi rialzare dopo i piccoli e grandi fallimenti.

Salve prof, e ben ritrovato! Partiamo con un video molto interessante dedicato allo studio della lingua inglese, o meglio alla famosa pronuncia americana, scoprendo anche tre canali molto utili…

Come sapete io sono un appassionato di lingue, e sono sempre stato dell’avviso che una lingua si possa acquisire ovvero assorbire esattamente come fa un bambino. È un passaggio importante, questo, per potersi approcciare alla lingua in maniera immediata e pratica. A proposito della lingua inglese, in questo video ho suggerito tre interessanti canali YouTube portati avanti da tre ragazze americane, che con il loro entusiasmo trasmettono la passione di vivere una lingua esattamente come un bellissimo viaggio, emozionante e ricco di spunti.

Nel prossimo video, è stato toccato un argomento molto attuale e delicato, per le ragazze ma anche per i ragazzi: il body shaming, cioè il fatto di essere deriso per il proprio aspetto fisico…

Sono stato molto colpito dall’intervista che Vanessa Incontrada ha rilasciato a proposito dell’accettazione della propria forma fisica, un percorso lungo, durato anni, che l’ha portata alla consapevolezza che amare se stessi va al di sopra del giudizio degli altri. Ispirato da questa meravigliosa energia ho pensato di fare un video dedicato a questo strano fenomeno che ora viene chiamato body shaming ma che in realtà esiste da sempre. Semplicemente adesso i social media lo enfatizzano e lo rendono più pesante da sopportare.

Questo mese hai realizzato un video intitolato fallire e rialzarsi, dedicato ai piccoli fallimenti di ognuno di noi, ma soprattutto alla spinta motivazionale che possono darci, perché è importante dire a tutti gli studenti di non arrendersi mai!

Esattamente! A volte ho l’impressione che specie le nuove generazioni, proprio perché sottoposte a migliaia di input giornalieri, vedano il percorso di crescita come qualcosa che deve proseguire in maniera lineare, senza deviazioni, appunto senza possibilità di fallire. È esattamente il contrario! Il fallimento fa parte della crescita, fa comprendere, ci mette in gioco e ci dirige verso quello che davvero vogliamo. Nel video ho mostrato tre importanti ragioni per le quali vale la pena fallire.

Nel prossimo video hai parlato di amicizia tossica, un tema molto delicato e sentito dai ragazzi, ma soprattutto del modo in cui possiamo riconoscerla…

Io da giovane ho avuto un rapporto molto complicato con questa parola: amicizia. Anche ora ho pochi amici, veri, che mi aiutano e che sono concretamente presenti nella mia vita. L’argomento dell’amicizia passa attraverso la crescita personale e impariamo ad apprezzare i rapporti con gli altri solo quando ne vediamo chiaramente la natura. In questo video ho condiviso tre segnali che mostrano chiaramente quando un’amicizia non è sincera.

Infine, nel giorno contro la violenza delle donne, un video dedicato a come liberarsi da un amore tossico: ecco cinque segnali che possono diventare campanelli d’allarme…

Questo video è capitato per caso nella settimana contro la violenza sulle donne: dico per caso perché avevo programmato di parlare di amore esattamente dopo la settimana in cui ho parlato di amicizia. L’ho dedicato alle donne, al loro mondo, alla loro sensibilità. Ho parlato di quegli amori che fingono di essere tali, che si trascinano, che intossicano chi spera in qualcosa di genuino, che spesso sono pericolosi.

Solitudine, friendzone… e gli altri video del venerdì

in I Venerdì di Vincenzo Schettini by
Rivediamo insieme al professor Vincenzo Schettini i video del venerdì di questo mese, per parlare di metodo di studio, alimentazione, friendzone e solitudine.

Torna la rubrica del prof Vincenzo Schettini, uno dei più amati del web, per parlare di tanti argomenti che stanno a cuore ai più giovani (ma anche agli insegnanti!). Sì perché nel suo canale La Fisica che ci Piace – che ha superato quota 61.000 iscritti… – non vengono trattati solo argomenti di fisica e matematica, ma si affrontano ogni volta questioni vicine al mondo dei ragazzi: i loro desideri, i loro problemi, le loro emozioni… sempre con il sorriso!

Questo mese il professor Vincenzo Schettini ha toccato degli argomenti molto interessanti, e anche molto differenti tra loro, che hanno creato un grande “traffico” nel suo canale e di cui vogliamo parlare: metodo di studio, alimentazione, friendzone e solitudine.

Salve prof, e ben ritrovato! Partiamo con un video veramente utile dedicato a un metodo di studio innovativo, che sta prendendo sempre più piede: la tecnica ACTIVE RECALL.

La mia curiosità nei confronti dei metodi di studio è fortissima, anche perché tanti mi chiedono come migliorare le prestazioni nello studio. Ma quando ho scoperto questo particolare metodo sono rimasto a bocca aperta anch’io, credetemi! Ho spiegato appunto nel video un approccio personalizzato che io stesso ho collaudato con questa metodologia chiamata “richiamo attivo” o se la vogliamo dire all’inglese active recall”.

Siamo arrivati a un argomento che, inutile negarlo, interessa veramente tanto alle ragazze e ai ragazzi che ti seguono: Friendzone o fidanzati? Che puoi dirci in proposito?

Quest’estate ho ricevuto un messaggio da uno dei miei followers che mi chiedeva di trattare proprio questo argomento. Ho cercato in rete la parola Friendzone scoprendo poi che era l’inglesismo della traduzione di uno stato d’animo davvero complicato, nel quale tutti quanti ci siamo ritrovati da adolescenti: corteggiare una persona senza mai dichiarare i propri sentimenti e alla fine venire etichettati come “semplici amici”. È una situazione davvero difficile: nel video ho dato tre consigli per superare al meglio questa situazione, uscendone vittoriosi!“.

Questo mese hai parlato anche di alimentazione, un argomento che a noi – da sempre rivolti al mondo della scuola – sta molto a cuore. Ma anche alle ragazze e ai ragazzi!

Non potevo non trattare questo tema. Quando ero adolescente pesavo 20 kg in meno: immaginate che già ora sono piuttosto magro! Quindi ho affrontato insieme alla mia famiglia un percorso per capire da dove iniziare, per migliorare il mio corpo e ho scoperto che tutto, o quasi, girava attorno al cibo. Nel video ho commentato cinque classici errori sull’alimentazione che specie i ragazzi fanno durante il periodo dell’adolescenza e che quindi sono assolutamente da evitare”.

Infine, tocchiamo un tema molto delicato, soprattutto per la fascia d’età adolescenziale: la solitudine, un sentimento negativo e pericoloso…

Siamo tutti soli, viviamo continuamente dei momenti di solitudine anche quando paradossalmente siamo circondati da tantissime persone e sommersi da messaggi attraverso i social. La solitudine ci accomuna, forse è il sentimento più condiviso al mondo. Sono particolarmente orgoglioso di questo video anche perché moltissima gente lo ha commentato condividendo la propria personale esperienza, rivelando ai lettori le tante facce della solitudine. Scoprite guardando questo video i cinque step per superarla!“.

Racconti GiocOvunque: idee per una bella scuola

in Giochi senza frontiere didattiche by
Tanti episodi di scuola vera, idee e buone pratiche: è il nuovo progetto dell’Associazione GiocOvunque, realizzato da Giovanni Lumini e Rossano Dalla Barba.

Sono sicuramente tante/i, tantissime/i gli insegnanti in Italia che praticano una didattica meno tradizionale, che tolgono la cattedra, che evitano la lezione frontale, che fanno lavorare le bambine e i bambini in gruppo, che sperimentano insegnamenti alternativi, che non assegnano compiti a casa, che si muovono nell’ambiente e lo esplorano insieme agli studenti.

Non tutte queste esperienze però vengono adeguatamente raccontate o, quantomeno, portate alla luce. Certamente Occhiovolante dà il suo contributo alla diffusione di queste buone pratiche.

Noi, Giovanni Lumini e Rossano Dalla Barba, autori del documentario Basta compiti, uscito nel maggio del 2019, e del quale abbiamo fatto una presentazione qui su Occhiovolante, abbiamo deciso di partire con un nuovo progetto, Racconti GiocOvunque, con lo scopo di far emergere le migliori “idee per una bella scuola”.

Aiutati e sostenuti da Associazione GiocOvunque in collaborazione con Reservoir Film e Parpignol, abbiamo scelto un format che fosse agile e fruibile da tutti e che al tempo stesso stuzzicasse curiosità; magari invitasse all’azione e/o all’emulazione altre/i insegnanti!

Sul nostro canale youtube, pubblicheremo con cadenza ci auguriamo mensile (o al massimo bimestrale) un episodio di scuola vera e vissuta, della durata massima di 15/20 minuti.


Il primo episodio è già disponibile e racconta il progetto BimbiSvegli di Serravalle d’Asti, attraverso la testimonianza del suo insegnante ideatore e principale animatore, Giampiero Monaca.

siamo a disposizione di quelle/quegli insegnanti, di ogni ordine e grado, che abbiano voglia di raccontare, in un episodio, la loro esperienza e la particolarità della loro metodologia di insegnamento.

Ci potete contattare attraverso le pagine social Facebook e Instagram, facilmente rintracciabili, attraverso il canale youtube citato, alla email racconti.giocovunque@gmail.com  e al numero di telefono (anche whatsapp) 338/8180274.

Chi volesse sostenerci fattivamente, con un contributo continuativo anche minimo, può farlo seguendo questo link dove, fra le ricompense, è previsto anche l’invio di una copia del film Basta compiti.

Buona visione del primo episodio e iscrivetevi alle nostre pagine per sostenere il progetto. Grazie!

Un sogno nel cassetto… e gli altri video del venerdì!

in I Venerdì di Vincenzo Schettini by
Dopo la pausa estiva, torna l’appuntamento con il professor Vincenzo Schettini e i suoi seguitissimi video del venerdì

Anche se con tutte le attenzioni possibili, le scuole di tutta Italia hanno finalmente riaperto le loro porte agli studenti. E con l’inizio dell’anno scolastico, torna anche la rubrica con i video del venerdì, curata da Vincenzo Schettini, uno dei professori youtuber più famosi e seguiti d’Italia, nonché volto noto di programmi Sky e Rai.

Il successo del suo canale La Fisica Che Ci Piace ha contagiato non solo tantissimi studenti, che seguono i video e le dirette per prepararsi alle interrogazioni, ma anche moltissimi adulti affascinati dal modo semplice, chiaro e divertente con cui vengono trattati argomenti di fisica e matematica. Oggi gli iscritti sono saliti a oltre 55.000!

Il professor Schettini però, come sappiamo bene, con i video del venerdì condivide anche le sue esperienze e dà utili consigli agli studenti su tantissimi argomenti. Di cosa ha parlato nell’ultimo mese? Per scoprirlo, chiediamolo direttamente a lui…

Buongiorno professore e ben trovato! Innanzitutto, come ha trovato i suoi ragazzi dopo tutti questi mesi e cosa si aspetta dal mondo della scuola?

Ho avvertito una chiara voglia di ricominciare, di tornare a scuola, di rimettersi in gioco! Ho lanciato a metà agosto un sondaggio sul mio canale Telegram (a proposito, potete iscrivervi a questo canale entrando in Telegram e cercando “la fisica che ci piace”) chiedendo loro se preferivano ricominciare a distanza oppure in presenza. Due su tre hanno votato in presenza, chiaro segno di voler tornare alla normalità. La scuola sicuramente è in un momento molto delicato, si sono fatte tante cose quest’estate in tutti gli istituti italiani per rientrare in sicurezza e mi auguro, anche se sono convinto che ci saranno contagi qua e là, che si possa vivere un anno quanto più sereno possibile, ne abbiamo tutti bisogno.

Il primo video del venerdì è stato molto emozionante, perché è un argomento che ci interessa da vicino: come realizzare i propri sogni! Anche perché, come dice lei, avere un sogno è importante, ma averne tanti è ancora meglio…

Io praticamente vado avanti a botte di sogni! Ogni giorno spingo me stesso alla ricerca di obiettivi che rispondono sempre più alla domanda “chi sono veramente io”. In tantissimi hanno commentato il video “Avere un sogno”: scoprendo che un sogno corrisponde anche a tanto sacrificio, molti si sono ritrovati in questa lettura e hanno confessato nei commenti cosa pensano della propria vita e chi vogliono diventare! Consiglio non solo di vedere il video ma anche di leggere i commenti sotto il video: se volete, potete commentate anche voi e lasciare traccia dei vostri personali meravigliosi sogni.

In un altro video, parliamo di un argomento che interessa veramente tutti i ragazzi: imparare l’inglese con la fisica! Ma è possibile?

Certamente, anzi, diventa interessante, divertente e stimolante! Da tempo vivo personalmente un’esperienza forgiata con le mie stesse mani sull’acquisizione delle lingue straniere, in particolare dell’inglese. Non ho mai studiato inglese a scuola, ma con una tecnica completamente inventata da me ora sono fluente in inglese dopo appena due anni di pratica. Nel video “Impara l’inglese con la fisica”, ho descritto e lasciato i riferimenti di 3 canali YouTube a tema scientifico completamente in inglese, dando anche alcuni suggerimenti per vedere correttamente i video, migliorando il proprio livello giorno dopo giorno.

Ci sono comunque molti testi in libreria per imparare l’inglese attraverso lo studio delle materie, come

“Studiare è un gioco da ragazzi”

“Impara l’inglese leggendo dei brevi racconti”.

Proed009

Ogni bambino ha bisogno di un paladino

in Zigzag in rete by
Il bellissimo discorso di Rita Pierson ai Ted Talks sull’importanza e la difficoltà dell’essere un educatore 

Keep Reading

Sentire con gli altri

in Short & Movie by
Cos’è l’empatia? Perché è differente dalla simpatia? Il video animato da Katy Davis per RSA illustra il discorso di Brené Brown sulla capacità umana di sentire cosa prova l’altro
Keep Reading

Rubriche

Go to Top